Nuova finanza per le PMI, Venerdì 19 Ottobre 2018

29 Ott, 2018

Nuova finanza per le PMI, Venerdì 19 Ottobre 2018

Convegno sul Nuovo Ruolo delle banche, delle società finanziarie e delle associazioni di categoria

Si è tenuto il 19 u.s. presso la C.C.I.A.A. di Modena il Convegno sul credito alla piccole e media impresa, la tavola rotonda ha visto i partecipanti discutere sui nuovi modelli e sulle opportunità che la finanza deve mettere in campo e come le associazioni di categoria devono rendersi protagonisti per le imprese proprie associate.

Le PMI hanno bisogno di politiche reali nell’ambito di una strategia sulla crescita in un quadro europeo e mondiale. L’incentivo che è venuto dal convegno in particolar modo dal Prof. Dr. Marco Giorgino e dal Vice Direttore della Banca di Cambiano Dr. Bruno Chiecchio si è concentrato su come sta cambiando il mondo dei finanziamenti alle PMI tra operatori del credito alternativi, i nuovi modelli di business e le nuove tipologie di finanziamento che ne devono derivare.

Il ruolo delle cauzioni e il nuovo ruolo dei Consorzi Fidi ( con gli interventi del Dott. Marco Borreani Direttore Fimcoopra SpA e Dott. Gabriele Frigerio Direttore dell’Ufficio Cauzioni Helvetia Assicurazioni) deve vedere le Associazioni di categoria in prima fila per trasformarsi in mera opportunità dettata dal rapporto tra Impresa e Banca a ruolo gestionale di Consulenza d’Impresa per l’Imprenditore, la fantasia, il coraggio e l’iniziativa dell’imprenditore non possono prescindere dalla fonte finanziaria e creditizia adeguata e l’Imprenditore non può essere alla mercé delle Banche, per questo i Consorzio Fidi devono diventare i Consulenti  fissi dell’Imprenditore, l’Idea che è stato il filo conduttore del Convegno, da una città come Modena ad una Regione virtuosa come l’Emilia Romagna e aggiungo il Veneto, non si può non aprirsi una valutazione cu come si può contribuire a mantenere la vocazione e a dare una spinta positiva e una risposta soddisfacente alle Imprese ed agli Imprenditori, l’idea conclusiva è stata quella di aprire una finestra per far conoscere nello specifico a tutti gli imprenditori delle Micro, Piccole e Medie Imprese le potenzialità che dal rapporto Associativo si possono esaltare a favorire l’intero universo produttivo.

Infine i due Interlocutori l’Avvocato Carmine Oncia e l’Avvocato Silvio Orlandi hanno spiegato il loro punto di vista su come superare la crisi di rilancio attraverso la finanza, nel caso dell’impresa che ha la possibilità di sviluppo ma è vincolata dalla impossibilità di ottenere finanza, l’Avvocato Oncia ci ha spiegato i canali di finanziamento alternativi alle banche con i mini bond e soprattutto con i basket bond, che sono i nuovi trend di mercato e le recenti opportunità di finanza per le imprese, costruendo sinergie di Gruppo o di Rete tra aziende anche non di filiera. Mentre l’Avvocato Orlandi ci ha spiegato la Legge 3/2012 e le Composizioni di Crisi da sovra indebitamento in particolar modo le linee guida delle procedure di allerta e di riforma della legge 3/2012 in attesa dei decreti attuativi sul ruolo delle Associazioni in C.C.I.A.A. .-

Durante il convegno il Presidente Brenno Begani della AGCI ma soprattutto il Presidente della Camera di Commercio di Modena Dott. Giuseppe Molinari ci hanno spiegato il motivo perché tutte le Associazioni di Categoria al di là della Loro grandezza devono partecipare e devo essere ammessi ai tavoli di concertazione Camerale.

Devo dire che lo stile e le parole del Presidente Molinari devono essere di Stimolo anche ai nostri Presidenti Veneti perché in attuazione alla legge 3/2012 tutte le Associazioni debbano essere ammesse al tavolo di riforma della crisi di impresa, per ammettere al controllo delle procedure di allerta con strumentazioni e uomini che unitariamente vedano l’aiuto alle imprese ed il loro superamento dello stato di crisi.

Ricordo che dal 23 ottobre 2019 nasce una collaborazione fattiva tra Rete di Associazioni Veneto Eccellenze e la realtà Modenese con l’Associazione SNA Trasporto Merci e Persone che avrà un’unità locale in zona.

Il Direttore Generale Rete di Veneto Eccellenze