Fattura elettronica: nessun problema secondo il ministro Tria (video), mentre le imprese sono sempre più nel caos: la colpa è dei commercialisti?

14 Gen, 2019

Fattura elettronica: nessun problema secondo il ministro Tria (video), mentre le imprese sono sempre più nel caos: la colpa è dei commercialisti?

Fattura elettronica: nessun caos o rischio per le imprese ed i professionisti, parola del Ministro Tria oggi alla Camera (video all’interno dell’articolo).

Ma proseguono le proteste di imprenditori, professionisti ed associazioni di categoria.

Il debutto non proprio felice della fattura elettronica è stato causato dai commercialisti?

Molte imprese sono nel caos e non sono pochi a sostenere che vi sia stato un vero e proprio boicottaggio della categoria.

Ma come stanno davvero le cose?

Fattura elettronica protagonista del question time di oggi alla Camera, che ha visto il Ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria rispondere all’interrogazione del parlamentare di Forza Italia Galeazzo Bignami, uno dei protagonisti di queste settimane di protesta contro i malfunzionamenti del sistema della fattura elettronica.

Il Ministro Tria ha negato tutte le difficoltà e i problemi di questi primi nove giorni di avvio della fattura elettronica, nonostante le decine di migliaia di segnalazioni da parte di imprenditori, professionisti ed associazioni di categoria. Il Ministro, fra le altre cose, ha fatto presente che questa settimana l’Agenzia delle Entrate ha costituito una “task force” di 60 funzionari che ha il compito di “testare presso le sedi collocate in diverse zone del territorio l’effettivo funzionamento del sistema”.

La replica dell’Onorevole Bignami non si è fatta attendere, ecco il video con il confronto:

Fattura elettronica, comunicato ufficiale dell’associazione nazionale commercialisti: “Per il ministro Tria va tutto bene e i commercialisti e gli imprenditori hanno le traveggole”

In serata è arrivato il comunicato stampa ufficiale dell’associazione nazionale commercialisti, che ormai dal 2017 si batte contro le anomalie di tutto il sistema della fattura elettronica.

Ecco il testo ufficiale del comunicato in oggetto:

Il question time che si è svolto questo pomeriggio alla Camera ha plasticamente rappresentato la spaccatura tra ciò che avviene negli studi, nelle imprese, nelle attività artigianali e commerciali alle prese con un sistema che non funziona, e l’avveniristico paradiso tecnologico approntato dall’Agenzia delle Entrate, descritto dal Ministro Tria al Deputato interrogante Galeazzo Bignami, il quale, oltre a evidenziare la quantità di segnalazioni pervenute da parte di commercialisti e il conseguente disagio, ha ufficialmente richiesto un’assunzione di responsabilità dell’Agenzia, a fronte delle inefficienze mostrate dal sistema.

“Il Ministro Tria” evidenzia il Presidente Marco Cuchel “nonostante le prove fattuali del disastro in corso, ha deciso che tutto va bene, che le sonde di rilevazione automatica non riscontrano anomalie, che i sessanta funzionari della task force per le emergenze si annoiano placidamente (allora perché chiamarli?) e che una sola associazione (la nostra) non basta a scuotere l’albero delle certezze per far cadere eventuali frutti guasti. Siamo a dir poco sconcertati da questa che oramai possiamo chiamare una congiura del silenzio tra i vertici nazionali delle categorie (imprese-commercio-ordini), puntualmente contestata dalle realtà territoriali che operano nel quotidiano. Anche nella giornata di oggi, più volte ci sono state segnalate continue interruzioni del servizio ”

L’Associazione Nazionale Commercialisti non ci sta a passare e a far passare colleghi e imprenditori per visionari, continuerà a raccogliere le segnalazioni di coloro che, malgrado le rassicuranti parole del Ministro, sono tuttora in pieno caos e che non riescono a svolgere la propria attività economica con la dovuta serenità”.

Fattura elettronica: comunicato ufficiale dell’associazione nazionale commercialisti

L’associazione nazionale commercialisti ha pubblicato un comunicato stampa ufficiale in data odierna per rendere pubblico tutto lo sconcerto per le dichiarazioni rese dal ministro Tria

Anche secondo il Codacons la fattura elettronica sta creando davvero seri problemi alle imprese italiane:

Le dichiarazioni di Tria sulle software house: nessuna colpa dell’Agenzia delle Entrate

Uno dei passaggi più sorprendenti delle dichiarazioni di oggi del ministro Tria – almeno a modesto avviso di chi scrive – è quello relativo al rapporto tra gli eventuali problemi riscontrati e il ruolo delle software house.

Secondo il ministro, infatti, non c’è stato nessun problema né alcuna segnalazione è arrivata all’Agenzia delle Entrate.

Tuttavia, se proprio qualche problema c’è stato, questo andrebbe attribuito alle software house private.

Si tratta di una dichiarazione davvero incredibile, considerando come le software house abbiano – da aziende private – tutto il legittimo interesse a far funzionare il nuovo sistema, nel quale esse rivestono un ruolo ancora più importante rispetto al passato.

Nessuna novità, anche secondo l’Agenzia delle Entrate non c’è nessun problema. Ma prima o poi la verità verrà fuori

Effettivamente le dichiarazioni del ministro Tria non sono una novità, considerato che la scorsa settimana l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato ben due comunicati – il ed il gennaio – in cui veniva dichiarato che il sistema di interscambio ed in generale tutta l’architettura digitale nell’ambito della quale si trovano ad operare le partite iva italiane non hanno avuto alcun problema.

In particolare, lo scorso 3 gennaio l’Agenzia delle Entrate comunicava che:

A partire dal primo gennaio 2019, sul sistema di interscambio (Sdi) sono già transitate quasi un milione e mezzo di fatture elettroniche senza che il partner tecnologico Sogei abbia rilevato alcun problema tecnico o rallentamenti. Anche i centri multicanale dell’Agenzia non hanno ricevuto segnalazioni di malfunzionamenti. Per il 97% dei documenti inviati è stata già resa disponibile la ricevuta dell’invio prima degli ordinari 5 giorni previsti dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate

Il giorno dopo, il 4 gennaio, l’Agenzia delle Entrate rendeva noto che “a quattro giorni dall’avvio continua l’attività di informazione a tutto campo dell’Agenzia. Faq sempre aggiornate, online la guida e i video

Tuttavia, sui social si moltiplicavano foto come queste:

In campo vi sono quindi due posizioni diametralmente opposte, ma prima o poi – come sempre – la verità verrà fuori

Sebbene il nuovo obbligo sia ormai obbligatorio da 10 giorni, per molte imprese quel 1° gennaio 2019 non è mai arrivato. Una partenza a singhiozzo quella della fattura elettronica.

Tra chi rilascia copie di cortesia, e si prende tutto il tempo consentito dalla legge per l’emissione della fattura vera e propria, e chi sostiene che ci sarebbe una sorta di “periodo transitorio” nel quale resta valida la fattura cartacea, se ne sentono davvero tante. C’è addirittura chi richiede il pagamento di una somma per l’emissione della fattura elettronica, qualora richiesta, pretesa tra l’altro del tutto illegale (si veda il comma 8, articolo 21 del DPR IVA n. 633/72).

La verità è che l’avvio della fatturazione elettronica ha gettato le imprese nel caos e, come di consueto quando si verificano situazioni di impasse, è in atto un rimbalzo di colpe e responsabilità.

Tra chi accusa l’Agenzia delle Entrate e chi se la prende con il Governo (colpevole di non aver ascoltato le richieste di proroga), c’è anche chi sostiene che il caos fattura elettronica sia colpa dei commercialisti.

Una sorta di “boicottaggio” messo in atto dalla categoria, insomma, rea di non aver formato e avvisato le imprese e i professionisti clienti dell’avvento della rivoluzione digitale.

Le cose stanno davvero così?

Fattura elettronica, imprese nel caos. Magari fosse colpa dei commercialisti …

L’entrata in vigore dell’obbligo di fatturazione elettronica è stata fin da principio caratterizzata da caos e incertezza.

L’idea diffusa era che, alla fine, vi sarebbe stata una proroga o che, come richiesto anche dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, l’avvio sarebbe stato graduale.

Soprattutto per le attività più piccole in tanti erano sicuri che l’entrata in vigore della fatturazione elettronica sarebbe stata rinviata almeno al 2020.

La lotta all’evasione (e quei 2 miliardi di maggior gettito atteso) hanno però avuto la meglio e il 1° gennaio 2019 è arrivato a stravolgere la routine lavorativa di molte attività commerciali, fatta esclusione dei forfettari esonerati per legge da tutti gli adempimenti IVA.

La colpa dell’avvio ad ostacoli dell’obbligo di fatturazione elettronica non si può certo attribuire ai commercialisti, una delle poche categorie che gioco forza è stata obbligata ad adeguarsi per tempo e ad interpretare una normativa fiscale sempre più confusa e frammentaria.

Negli studi di diversi professionisti contattati è ormai da metà anno che si organizzano incontri con i clienti per illustrare la nuova normativa. Il tutto per consentire alle imprese di essere il più possibile autonome ed evitare che anche una cosa banale come “staccare fattura” venga relegata al proprio consulente.

Fattura elettronica, commercialisti “capri espiatori”

Ad accusare in maniera neppure tanto velata i commercialisti del caos legato all’avvio della fatturazione elettronica è anche il Ministro dell’Economia Giovanni Tria. Questa volta tuttavia non parliamo di accuse di boicottaggio ma di una sorta di “eccesso di lamentele”.

La risposta a question time del 9 gennaio 2019 ha dell’incredibile:

“non sono stati riscontrati gli asseriti malfunzionamenti, segnalati, peraltro, da un’unica associazione di commercialisti e non dall’ordine dei commercialisti o da altri ordini professionali.”

L’associazione a cui si fa riferimento è l’ANC che è dal 2017 che è in prima linea per denunciare le criticità del sistema di fatturazione elettronica.

Una battaglia che sebbene Tria ritenga campata in aria, non si arresta ed entra ora nel vivo. L’ANC non ci sta a “far passare colleghi e imprenditori per visionari”, ed ha iniziato a raccogliere gli screenshot di segnalazione dei malfunzionamenti del portale dell’Agenzia delle Entrate.

Tutte immagini simili a questa:

Caos fattura elettronica, la colpa è di un sistema fatto male

Contro chi prendersela quindi? Non esistono colpevoli acclarati (anche se c’è già chi punta il dito contro Sogei e l’Agenzia delle Entrate, incapaci di mettere a punto un sistema in grado di reggere la mole di dati trasmessi con le fatture elettroniche).

È possibile fare alcune considerazioni:

  • la prima è che una rivoluzione così importante come la fatturazione elettronica tra privati non doveva entrare in vigore come obbligo secco per tutti senza una prima fase di rodaggio. Ad avere ragione era chi sosteneva che era necessario un primo avvio scaglionato che lasciasse il tempo ai piccoli artigiani e negozianti di prendere confidenza con il nuovo obbligo;
  • la seconda, che è impossibile ritenere legittimo che un imprenditore dedichi metà della propria giornata a compilare ed inviare fatture. Se il sito dell’Agenzia delle Entrate non funziona e non è in grado di gestire la fatturazione elettronica è necessario un intervento urgente. Non serve far finta che non vi siano anomalie quando la realtà è sotto gli occhi di tutti.

Prima che essere un nuovo obbligo fiscale, la fattura elettronica doveva essere vista come un vero e proprio cambio culturale che, in un Paese come l’Italia dove molte zone sono ancora sprovviste di copertura internet, richiedeva la messa in piedi di un’infrastruttura tecnologica ed informativa sul territorio.

Punti di incontro, convegni aperti alle imprese, campagne informative in televisione: tutte cose che non si sono viste, almeno non fino alla metà del mese di dicembre, quando in tv è comparso lo spot sulla “rivoluzione intelligente in arrivo” che avrebbe semplificato la vita e ridotto i costi di gestione per i 5 milioni di partite IVA interessati dall’avvento dell’obbligo di fatturazione elettronica dal 1° gennaio 2019.

Peccato che al momento non ci sia traccia di semplicità ed intelligenza e che la cosa più “rivoluzionaria” che si vede in giro sono le tante imprese che, esasperate, non emettono più fattura.

Speriamo che almeno questa volta la colpa non venga data al commercialista.

Il Direttore Generale Veneto Eccellenze