Cosa si cela dietro l’abbassamento delle aliquote Luce egas

20 Mag, 2019

Cosa si cela dietro l’abbassamento delle aliquote Luce egas

L’assedio dei numeri reali

Persino dietro le buone notizie si celano pessime notizie. E se Di Maio avesse ricevuto i vertici dell’Autorità per l’energia, probabilmente avrebbe evitato d’intestarsi la diminuzione record delle tariffe come un successo. Ma il titolare del Mise ha rotto la vecchia prassi istituzionale, dunque non ha saputo per tempo che la decisione di abbattere le bollette di luce e gas non è tanto legata all’andamento dei prezzi sul mercato internazionale delle materie prime.

È soprattutto figlia di una forte contrazione della domanda interna, scesa del 2,2%. In questo dato si nasconde il calo dei consumi industriali, calcolato – secondo fonti qualificate – tra il 7 e l’8%.

Il motivo di questa frenata è la riduzione dell’attività nelle imprese. E siamo solo ai primi mesi dell’anno. Per questo è importante capire cosa sta succedendo dietro le varie manovre economiche che negli ultimi anni si sono fatte, non è solo legato alla sfiducia dei mercati italiani creata da 10 mesi di attesa per fare una prima manovra, ricordo che da maggio 2018 data di insediamento del nuovo governo, la prima operazione finanziaria proposta Reddito di Cittadinanza e Pensioni si è realizzata il 28 marzo u.s. e non a dicembre. Ricordo che stiamo attendendo le manovre per lo sviluppo d’impresa, che al momento non ci sono, e gli investimenti in infrastrutture in dubbio, incerti e forse non fattibili.

Pertanto la contrazione dell’uso dell’energia deriva da una crisi strutturale economica italiana che deriva da lontano, il lavoro manca perché non ci sono commesse e le commesse le imprese le prendono di anno in anno e se mancano vuol dire che la crisi è già partita dal 2018 anno del Governo Gentiloni che vuol dire che nella finanziaria 2017 non ha portato incentivi e politiche di sviluppo ma di inviluppo.

Che dire invece di urlare che ci sono 13 milioni che non pagano l’IRPEF, sarebbe più opportuno controllare cosa sta succedendo in Italia ed intervenire subito non domani o dopodomani.

Il Direttore Generale di Rete Veneto Eccellenze