Come fare fattura nel regime forfettario: dicitura e fac simile

23 Gen, 2019

Come fare fattura nel regime forfettario: dicitura e fac simile

Regime forfettario: come fare fattura e quale dicitura indicare. Guida completa con riferimento normativo aggiornato al 2019 e fac simile di esempio.

Regime forfettario, guida a come fare fattura, dalla dicitura con il nuovo riferimento normativo al fac simile con le istruzioni per la compilazione.

Il regime forfettario 2019 è l’unica forma prevista dall’attuale normativa per poter aprire una partita IVA in regime agevolato.

Per i contribuenti che hanno aperto o stanno per aprire una partita IVA con il regime forfetario si pone la seguente domanda: come fare la fattura? Quali informazioni è obbligatorio riportare? La fattura è soggetta ad imposta di bollo e a ritenuta d’acconto?

Ecco una guida pratica e utile che il contribuente titolare di partita IVA nel regime forfettario potrà utilizzare per emettere correttamente la propria fattura.

Compilazione fattura forfettari: dicitura da utilizzare

Per i contribuenti titolari di partita IVA nel regime forfettario è importante conoscere bene tutte le regole su come fare una fattura, iniziando dalla corretta dicitura da utilizzare.

La dicitura è un elemento importante per i contribuenti titolari di partita IVA in un regime di vantaggio come il forfetario, esteso e modificato dalle importanti novità introdotte con la Legge di Bilancio 2019.

Nel precedente regime dei contribuenti minimi, il contribuente aveva l’obbligo di indicare la Legge Finanziaria 2008 (istitutiva del regime dei minimi) e, successivamente, i vari provvedimenti che hanno modificato la versione originale.

Analogamente, il regime forfettario 2019 richiede l’indicazione di una dicitura che riporti la normativa di base, unitamente alle modifiche intervenute successivamente.

Una dicitura che potrebbe chiaramente evidenziare il regime forfettario utilizzato dal contribuente che deve emettere fattura è la seguente (aggiornata con il riferimento normativo della Legge di Bilancio 2019):

Operazione effettuata ai sensi dell’articolo 1, commi da 54 a 89, della Legge n. 190/2014 così come modificato dalla Legge numero 208/2015 e dalla Legge 145/2018.

Si richiede la non applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d’acconto ai sensi dell’articolo 1 comma 67 della Legge numero 190/2014.

Imposta di bollo da 2 euro assolta sull’originale per importi maggiori di 77,47 euro

Come fare fattura nel regime forfettario: ritenuta d’acconto o no?

I contribuenti titolari di partita IVA che emettono fattura nel regime forfettario non devono assoggettare i compensi fatturati a ritenuta d’acconto.

Il sistema attuale è entrato in vigore a partire al 1° gennaio 2012. In precedenza, invece, i contribuenti minimi dovevano emettere fattura assoggettando il compenso a ritenuta d’acconto del 20%. Tuttavia, fino al 31 dicembre 2011 l’aliquota dell’imposta sostitutiva era uguale, cioè sempre pari al 20%. Questo inevitabilmente determinava la paradossale situazione di credito perenne di tali soggetti: nel caso in cui un contribuente non aveva costi da detrarre l’imposizione fiscale era al massimo pari a zero.

Con il nuovo regime introdotto nel 2012, e che purtroppo è stato abrogato con la Legge di Stabilità 2016, l’imposta sostitutiva è stata abbassata al 5% e la ritenuta d’acconto è stata (razionalmente) abrogata. Di conseguenza, anche per i contribuenti minimi e forfettari devono essere predisposte ed elaborate le certificazioni uniche.

Attenzione: quando un professionista o un agente in regime forfettario riceve un incarico è bene che comunichi alla controparte il non assoggettamento a ritenuta d’acconto. Questo per non generare confusione negli adempimenti che il committente deve eseguire.

Come fare fattura nel regime forfettari: quando apporre la marca da bollo?

Le fatture emesse dai contribuenti titolari di partita IVA nel regime forfettario devono essere assoggettate ad imposta di bollo da 2 euro nel caso in cui l’importo totale della fattura sia superiore ad euro 77,47.

Per maggiori approfondimenti sulle regole di applicazione della marca da bollo alle fatture i lettori di Money possono fare riferimento alla seguente guida:
Fatture e marche da bollo da due euro: ecco la guida per non sbagliare

Come fare fattura nel regime forfettario: fac simile ed esempio

Ecco di seguito un esempio con fac simile di una fattura emessa dal Signor Rossi, titolare di partita IVA nel regime forfetario:

Signor Rossi Mario

Via dei Verdi numero 10 00100 Roma (RM)

C.F. RSS MRA 80A01 F241O

P.Iva : 12345678900

                                   Spettabile Azienda Alfa

Fattura numero 1 del 20/01/2019

Servizi resi per vostro conto nel periodo di gennaio 2019

Totale imponibile €. 100,00

Totale fattura €. 100,00

Totale a Pagare a ricevimento della presente per mezzo Bonifico Bancario IBAN

Operazione effettuata ai sensi dell’articolo 1, commi da 54 a 89, della Legge n. 190/2014 così come modificato dalla Legge numero 208/2015 e dalla Legge n. 145/2018.

Si richiede la non applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d’acconto ai sensi dell’articolo 1 comma 67 della Legge numero 190/2014.

Imposta di bollo da 2 euro assolta sull’originale per importi maggiori di 77,47 euro

Nel fac simile in questione è stato omessa, per comodità esemplificativa, la rivalsa contributiva ai fini dell’eventuale cassa professionale o della gestione separata ai fini INPS.

Il Direttore Generale Rete Veneto Eccellenze